Sommario

Scuola Esoterica Egizio Atlantidea
( Insegnante Ida Di Donato )


SCUOLA EGIZIA
( Insegnante Ida Di Donato )
TRADIZIONE INDUISTA
( Messaggi ricevuti tramite Ida Di Donato )
STIGMATIZZATO GIORGIO BONGIOVANNI
UFO: VERITA' ETERNA
Testimonianze di contatti diretti con navi
e fratelli cosmici. Filmati UFO
ed interviste(KGB-NASA)
CERCHI NEL GRANO

Intervista a Ida di Donato
( a cura di Paolo Buttiglieri )

 

Ida Di Donato, un canale tra mondi visibili ed invisibili (fratelli di altri mondi) che da molte vite serve la tradizione iniziatica egizio-atlantidea. Nel Natale del 1988, racconta Ida Di Donato, ho scoperto di essere un canale. Ero arrivata ad un punto della mia esistenza, prosegue Ida, in cui desideravo offrire la mia vita, pur di aiutare, senza però pretendere di capire come attuarlo. Da sempre ho cercato Dio, chi sono, da dove vengo. Prima cercavo Dio ragionando e naturalmente senza alcun successo, poi finalmente ho trovato il modo. Era la prima volta che, la vigilia di Natale, dormivo a casa mia da sola. Allora avevo 33 anni, ero divorziata e abitavo a Roma con mia figlia di 9 anni. Stranamente quel giorno lei non c'era perché era dai nonni. Mentre dormivo, racconta Ida Di Donato, mi sono svegliata di soprassalto e ad occhi aperti vedevo che le luci di casa si spegnevano e si accendevano come se qualcuno stesse giocando con l'interruttore.

Quando misi i piedi per terra le luci rimasero accese e contemporaneamente la televisione, che era spenta, si accendeva e si spegneva autonomamente. Incuriosita e impaurita mi sono seduta davanti alla TV. Improvvisamente è iniziato un film sull'Egitto dei Faraoni dall'inizio. Mentre guardavo il film, la stanza fu inondata da una luce viola con lampi di luce blu violacea che collegavano tutti gli oggetti della stanza. All'improvviso mi sono sentita sollevata dal divano per un metro dal pavimento e questa forza morbida ed indescrivibile senza pressione poi mi ha rimesso giù. In quel momento ho visto disegnarsi sul pavimento la Stella di David. Sul triangolo bianco (l'altro nero era spento) sono comparse delle candele bianche accese (sulle tre punte). Questa forza, prosegue Ida Di Donato, mi ha portato dentro il triangolo bianco e mi ha fatto inginocchiare con i palmi delle mani appoggiati a terra. Dopo breve tempo mi ha sollevata in piedi e ho sentito in una frazione di secondo, una energia che mi attraversava dai piedi fino alla testa. All'altezza del cuore si espandeva ai lati, dandomi l'impressione di avere delle ali.

Mi sentivo fluttuare nell'universo, come un serpente. Mentre accadeva tutto ciò, io piangevo, piangevo terrorizzata. Poi, sulla mia destra è apparso un essere alto due metri, vestito da antico egiziano. La sua testa continuava a mutare, prevalentemente spuntava quella di falco, poi umana e di cane. Era di pelle scura rossiccia ed indossava un gonnellino bianco che arrivava sotto al ginocchio. Aveva dei monili con incisi i simboli della conoscenza divina. Dietro di lui, sulla parete, sono comparse entità di altri pianeti che assistevano a questa specie di rituale. Alla fine l'energia mi ha lasciato e, seduta davanti alla scrivania, improvvisamente da tutti i miei orifizi è uscita acqua. Quindi una voce interiore, armoniosa, né maschile, né femminile, mi disse di scrivere, perché quel lavoro non mi era proibito. La mia mano, diventata di luce viola, scriveva automaticamente. L'Entità, proveniente da Atlantide in Egitto, era stata divinizzata con il nome del falco HORUS. Durante la notte con lui al mio fianco, sotto forma di falco rosso, mi sono vista come una sacerdotessa reincarnata proveniente da Atlantide e dall'Egitto. Il mattino dopo mi sono svegliata con i canti degli antichi Egizi in testa. A Roma una voce mi ha chiesto se volevo portare i pesi degli altri.

E la telecamera si bloccò...

Non capita tutti i giorni di intervistare personaggi come Ida di Donato, una pimpante salernitana, bassa di statura e piena di energia. Nata il 2 maggio 1955, si è sposata a 21 anni, separata e divorziata, ed ha avuto una figlia a 24 anni. Ida tiene Seminari esperienziali su: LA TRADIZIONE INIZIATICA ATLANTIDEA EGIZIA ED I FRATELLI COSMICI.

Sono andato a intervistarla in Umbria, nella sua comunità presso un tipico casale di campagna. Il fatto curioso è che durante l'intervista a un certo punto ho acceso la telecamera che mi ero portato dietro ma non sono riuscita a metterla a fuoco, una cosa che non mi era mai successo in precedenza. A quel punto Ida mi ha chiesto se poteva parlare e, avuto il permesso, ha parlato per circa 10 minuti in modo serrato in rima e in un italiano arcaico ma comprensibile. Attraverso di lei si esprimeva qualcuno che si presentava come un antico sacerdote egiziano Atlandideo che sosteneva che anch'io ero un antico sacerdote egiziano Atlantideo e mi diceva cose che Ida non poteva sapere.
Al termine di questo strano fenomeno che mi ha lasciato senza parole la telecamera ha ripreso a funzionare.